top of page

๐—จ๐—ฅ๐—ง๐—”๐—ฆ๐—จ๐—ก: ๐—Ÿโœ๐—จ๐—ก๐—œ๐—ข๐—ก๐—˜ ๐—˜๐—จ๐—ฅ๐—ข๐—ฃ๐—˜๐—” ๐—™๐—”๐—–๐—–๐—œ๐—” ๐—–๐—ข๐— ๐—˜ ๐—•๐—”๐—ฅ๐—–๐—˜๐—Ÿ๐—Ÿ๐—ข๐—ก๐—”

๐—จ๐—ฅ๐—ง๐—”๐—ฆ๐—จ๐—ก๐—”: ๐—Ÿโœ๐—จ๐—ก๐—œ๐—ข๐—ก๐—˜ ๐—˜๐—จ๐—ฅ๐—ข๐—ฃ๐—˜๐—” ๐—™๐—”๐—–๐—–๐—œ๐—” ๐—–๐—ข๐— ๐—˜ ๐—•๐—”๐—ฅ๐—–๐—˜๐—Ÿ๐—Ÿ๐—ข๐—ก๐—”. ๐—Ÿโœ๐—”๐—ญ๐—œ๐—ข๐—ก๐—˜ ๐—ฃ๐—ฅ๐—œ๐— ๐—”๐—ฅ๐—œ๐—” ๐—˜โœ ๐—œ๐—ก๐—ง๐—˜๐—ฅ๐—ฉ๐—˜๐—ก๐—œ๐—ฅ๐—˜ ๐—–๐—ข๐—ก๐—ง๐—ฅ๐—ข ๐—Ÿโœ๐—”๐—•๐—จ๐—ฆ๐—œ๐—ฉ๐—œ๐—ฆ๐— ๐—ข

Il parlamentare europeo Ernest Urtasun durante una conferenza stampa, stamattina, ha sostenuto che la Commissione europea ha adottato il modello normativo per le abitazioni ad uso turistico a Barcellona per il nuovo regolamento europeo. La Commissione Europea, infatti, ha appena dato il via libera a una proposta di regolamento comunitario che recepisce alcune delle misure promosse e lavorate a Barcellona per il controllo dell'offerta di appartamenti turistici con l'obiettivo di tutelare le cittร  dall'attivitร  delle piattaforme, garantendo la vita quotidiana del quartiere e garantire un turismo equilibrato e orientato al futuro. Allo stesso tempo, il governo municipale continua a sviluppare il piano d'urto contro gli appartamenti turistici illegali. Avviato nell'estate del 2016, ha prodotto buoni risultati e ha permesso di porre fine alla proliferazione incontrollata di questa attivitร , passando da circa 6.000 appartamenti turistici abusivi a una cifra molto bassa grazie all'attivitร  di controllo e sanzionamento. Dall'inizio del piano sono stati complessivamente analizzati 54.093 annunci e aperti circa 18.185 fascicoli disciplinari, che hanno portato a 7.749 ordinanze di licenziamento e 9.336 fascicoli disciplinari.

In pratica, la Commissione Europea sta proponendo un Regolamento sulla raccolta e lo scambio di dati relativi ai servizi di affitto di alloggi a breve termine che estenda a livello comunitario alcune delle azioni che sono giร  applicate e su cui si sta lavorando a Barcellona, cosรฌ che concede capacitร  di controllo e regolazione a cittร  e territori che fino ad ora ne erano sprovvisti. Nello specifico: โ€ข Le piattaforme devono semplificare la visualizzazione dei numeri di registrazione e verificare in modo casuale che gli host si siano registrati e che i numeri siano validi. โ€ข รˆ regolata una procedura di registrazione per il rilascio automatico di un identificatore univoco per ogni immobile rilasciato dallo Stato membro competente e che identifica l'alloggio. Gli host devono utilizzare questo numero e visualizzarlo online. โ€ข Ogni mese e in modo automatico, le piattaforme devono fornire le informazioni rilevanti alle autoritร , compresi i dati sul numero di pernottamenti e ospiti; il numero di registrazione e l'indirizzo web degli annunci di alloggi a breve termine. Ciรฒ consentirebbe di rilevare annunci non registrati o illegali e far rispettare l'obbligo di registrazione, portando maggiore trasparenza.


In Italia, giร  molte Regioni hanno introdotto il codice identificativo regionale e giร  da qualche mese le principali OTA hanno apportato modifiche negli annunci che consentono lโ€™inserimento di tali codici; qui da noi la lotta allโ€™abusivismo รจ giร  iniziata e le nostre Forze dellโ€™Ordine hanno giร  scoperto attivitร  illecite o non regolari. Tutti auspichiamo alla creazione di un unico codice da ottenersi nel rispetto dei criteri delle leggi.

Ora, perรฒ, vorremmo che tavoli di confronto si aprissero per discutere dati seri e necessari per capire il fenomeno delle locazioni brevi. Noi di Bre-VE ne abbiamo trovati che dimostrano, non smetteremo mai di dirlo, come questa forma di locazione non sia affatto la causa di degrado o spopolamento delle nostre cittร  ma, al contrario, che รจ una fonte di economia importante per le nostre cittร  d'arte.






Bre-VE Associazione delle Locazioni Turistiche Brevi a Venezia

bottom of page